Stampa

Amministratori di Fino Mornasco ancora sotto tiro

on .

 Occorre una stagione nuova di coesione sociale e di responsabilità civica, opponendosi così ai ricatti dei prepotenti e facendo del bene comune il capitale per lo sviluppo. I fatti di Fino Mornasco, le pressioni criminali a danno degli amministratori, rivelano un clima intimidatorio che non aiuta né imprese e neanche il mondo del lavoro ad uscire dalla crisi. Siamo solidali con Laura Barresi, umanamente e culturalmente e le chiediamo di non sentirsi una minoranza perbene. Il comasco è a stragrande maggioranza un popolo di brava gente, lavoratori e cittadini con le carte in regola, e proprio a questa maggioranza chiediamo una reazione contro l'omertà e contro le forze rozze di chi con la violenza vorrebbe cambiare le regole civili e sociali. Oggi sono urgenti tutte le azioni di coesione istituzionale ed economica necessarie a fare del territorio di Como un'area "mafia free".

Alessandro de Lisi  - Direttore del Centro Studi Sociali contro le mafie Progetto San Francesco

 La Provincia 9.10.2012

  I precedenti

 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookie tecnici impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra cookie policy.

Accetto i Cookie da questo sito.