Stampa

SINACORI VINCENZO collaboratore di giustizia

on .

 


Il SINACORI ha riferito di essere stato inserito nella famiglia” di COSA NOSTRA di Mazara del Vallo dal 1981 e di aver assunto la carica di reggente della medesima famiglia” e dellomonimo mandamento nel 1992, in rappresentanza di AGATE Mariano, detenuto dall1 febbraio 1992. Al riguardo il collaborante ha dichiarato che la famiglia” di Mazara ed il relativo mandamento - dopo larresto nel maggio del 1982 del suo rappresentante AGATE Mariano, che era rimasto detenuto sino al 17 aprile 1991 - erano stati retti prima da TUMBARELLO Salvatore e successivamente da MESSINA Francesco, inteso Mastro Ciccio”, al quale egli era poi succeduto, essendo questultimo, prima del suicidio, caduto in disgrazia presso i vertici di COSA NOSTRA, perché accusato di essersi appropriato di denaro dellorganizzazione.

Arrestato nel luglio del 1996, il SINACORI iniziò a collaborare con lA.G. dopo circa due mesi, avendo inteso con tale scelta mutare vita. Allepoca egli era in stato di custodia cautelare per omicidi ma non vi era alcuna sentenza definitiva a suo carico, mentre a seguito della scelta intrapresa aveva confessato vari episodi delittuosi, tra cui omicidi.

Nel presente processo il SINACORI si è rifiutato di rispondere, sicché gli sono state contestate ex art.513 c.p.p. le dichiarazioni dallo stesso rese nellambito del processo n. 7/97 R.G.C.Ass. di Caltanissetta nei confronti di RIINA Salvatore + 3, relativo allomicidio del Sostituto Procuratore della Repubblica di Trapani GianGiacomo CIACCIO MONTALTO; nel processo n. 12/96 R.G.C.Ass di Firenze nei confronti di BAGARELLA Leoluca + 25 per le stragi del 1993; innanzi al P.M. di Caltanissetta in data 8 e 9 gennaio 1997, 21 febbraio 1997 e 19 gennaio 1999.

Il SINACORI ha saputo chiaramente delineare la struttura e lorganigramma di COSA NOSTRA soprattutto per la provincia di Trapani, rappresentando che in tale provincia quel sodalizio mafioso si articolava in quattro mandamenti, che dopo la guerra di mafia dei primi anni Ottanta, che aveva interessato anche la sua provincia, erano diretti: quello di Castelvetrano da MESSINA DENARO Francesco, che rivestiva anche dal 1981/1982 la carica di rappresentante provinciale, anche se per la sua età avanzata era di fatto sostituito dal figlio Matteo; quello di Mazara dallo AGATE, sostituito durante la carcerazione dalle persone sopra indicate; quello di Alcamo da MILAZZO Vincenzo; quello di Trapani da VIRGA Vincenzo.

Le dichiarazioni rese sugli argomenti attinenti alla struttura ed allorganigramma di COSA NOSTRA dal SINACORI hanno trovato piena conferma in quelle rese da PATTI Antonio e dal BRUSCA e sono senzaltro adeguate al ruolo di rilievo rivestito dallo stesso nellambito di questa organizzazione criminale.

Il contributo del SINACORI è stato, inoltre, significativo in relazione allincarico ricevuto insieme ad altri consociati della sua stessa provincia e di quella di Palermo per seguire in Roma i movimenti di Giovanni FALCONE e dellallora Ministro della Giustizia Claudio MARTELLI, nonché di giornalisti assai noti quali Maurizio COSTANZO ed Andrea BARBATO, in vista della preparazione di attentati ai loro danni, che possono ricondursi alla strategia stragistica, come si dirà specificamente in seguito. da PROCESSO AGATE+26

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookie tecnici impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra cookie policy.

Accetto i Cookie da questo sito.