Stampa

Paolo Borsellino, un uomo coraggioso

on .

 

SPECIALE RAI CULTURA

Una delle tante domeniche d’estate, quel 19 luglio 1992 a Palermo. La città deserta, i palermitani tutti riversi al mare per sfuggire al caldo africano. Anche il giudice Paolo Borsellino si trova fuori, a Villagrazia di Carini, nei pressi della città, dove ha una casa al mare, per pranzare insieme alla moglie Agnese e ai quattro figli, poco più che adolescenti, Lucia, Manfredi e Fiammetta. Nel primo pomeriggio Borsellino decide di ritornare a Palermo per fare visita alla madre, che si trova in via Mariano D’Amelio, una strada stretta e senza uscita. Ad attendere il magistrato e i suoi 5 uomini della scorta, nascosti in una vecchia Fiat 126 rubata e parcheggiata nei pressi dell’abitazione, ci sono 50 chili di tritolo. Borsellino arriva e come tante volte scende dall’auto davanti al portone insieme ai suoi uomini e in quel momento, alle 16.58 del pomeriggio, a distanza viene azionato l’esplosivo. Una carneficina: muoiono il giudice Paolo Borsellino e tutta la sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Cosina e Claudio Traina. Unico sopravvissuto l’agente Antonino Vullo, che descrive così quei momenti terribili: “Il giudice e i miei colleghi erano già scesi dalle auto, io ero rimasto alla guida, stavo facendo manovra, stavo parcheggiando l’auto che era alla testa del corteo. Non ho sentito alcun rumore, niente di sospetto, assolutamente nulla. Improvvisamente è stato l’inferno. Ho visto una grossa fiammata, ho sentito sobbalzare la blindata. L’onda d’urto mi ha sbalzato dal sedile. Non so come ho fatto a scendere dalla macchina. Attorno a me c’erano brandelli di carne umana sparsi dappertutto”. Dopo la strage di Capaci del 23 maggio in cui perdono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro, la mafia torna a colpire e lo fa eliminando un altro fedele servitore dello Stato che insieme ai suoi valorosi agenti di scorta ha sacrificato la propria vita nella lotta alla criminalità organizzata. I contributi video qui presenti si incentrano soprattutto sui 57 giorni vissuti da Paolo Borsellino, dall'attentato dell'amico e collega Falcone fino al suo tragico epilogo. Presente anche un documentario su Emanuela Loi, coraggiosa agente che perde la vita insieme ai suoi colleghi della scorta a via D'Amelio.

 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookie tecnici impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra cookie policy.

Accetto i Cookie da questo sito.