Stampa

Matteo Messina Denaro e le stragi

on .

  

E’ un Matteo Messina Denaro diverso quello che esce fuori dal processo in cui è imputato a Caltanissetta con l’accusa di essere il mandante delle stragi di Capaci e via d’Amelio.

Per il pm, il procuratore aggiunto Gabriele Paci, intorno alla “latitanza di Messina Denaro, si è costruita la figura di un mafioso che fa affari, che veste Armani, che fa pali della luce come dice Totò Riina nel carcere di Opera a Milano, uno di quella mafia che ha scelto la strategia della sommersione".

"Il processo invece – afferma Paci - ci restituisce una figura diversa dell'imputato: di un carnefice sanguinario che ha ucciso persone innocenti e bambini, uno stragista. Sono due parti della stessa figura - ha continuato - nel '92 aveva appena trent'anni quando Cosa nostra sferrò il suo attacco micidiale allo Stato, come risposta alle condanne del Maxiprocesso".

"La finalità delle stragi del '92 - continua Paci nella Requisitoria - era quella di condizionare la vita politica del Paese, scegliendo i nuovi referenti politici del paese che potevano tutelare gli interessi di Cosa nostra e Matteo Messina Denaro fu uno dei mandanti di quell'azione di guerra".

"Non troverete un'informativa, una dichiarazione o una sentenza dalla quale trarre la prova della colpevolezza dell'imputato - ha affermato Paci ricostruendo a inizio udienza il contesto di quegli anni a partire dalla sentenza del Maxiprocesso - qui la prova è frammentata in una miriade di atti ed è complesso ricostruire la colpevolezza del soggetto".

Iniziamo oggi, in più puntate, il racconto della requisitoria del pubblico ministero Gabriele Paci, che ricostruisce, per definire bene il ruolo di Matteo Messina Denaro, anche quella che è la storia di Cosa nostra e dei suoi rapporti ed equilibri interni.

Legame tra corleonesi e i Messina Denaro - Il pm inizia con il legame tra i vertici della mafia Corleonese e i Messina Denaro. Il rapporto è talmente fiduciario che i Messina Denaro, fin dagli anni ’80, sono i custodi di buona parte dei beni di Riina e di Provenzano. Altro elemento che conferma ciò è anche l’assidua frequentazione da parte dei Corleonesi del territorio del trapanese, eletto da Riina e dagli altri protagonisti della stagione stragista, come luogo sicuro anche dopo le stragi del ’92. Ma anche l’esistenza della Commissione Regionale nel ’92, organo di vertice di Cosa nostra e la sua competenza a decidere in tema di delitti eccellenti e con questo il ruolo di reggente della provincia di Trapani di Matteo Messina Denaro ricoperto dal ’90 o dagli inizi del ’91.

Il passaggio di testimone tra Francesco Messina Denaro e il figlio Matteo - "Sul momento del passaggio di testimone dal boss Francesco Messina Denaro al figlio Matteo non ci sono elementi né evidenze giudiziarie - afferma Paci - . Ci sono solo elementi che sono emersi in questo processo che daranno risposta per il momento in cui collocare il passaggio di testimone. Occorrerà però fornire la conoscenza di quello che è stato l’apporto specifico di Messina Denaro, non solo il fatto di essere il reggente della provincia di Trapani. Occorre nel caso della responsabilità del concorrente morale, che riguardano come nel caso specifico delitti di rilevanza strategica per l’organizzazione mafiosa. Occorrerà accertare e sciogliere ulteriori nodi sulla effettiva conoscenza avuta da parte di Matteo Messina Denaro del piano di attacco alle istituzioni di Riina. E non mi riferisco solo ai due omicidi. Cosa nostra non si limita a decidere solo gli omicidi, ma li inserisce in una strategia di attacco allo Stato. Non era solo voglia di rivalsa nei confronti di coloro che avevano tradito Cosa nostra, ma era l’elaborazione di un attacco e un piano politico contro lo Stato”.

L’adesione alla strategia stragista - “Uno Stato in grave difficoltà e chiamato a scegliere il nuovo Capo dello Stato – continua Paci -. Era un attacco teso a mettere in ginocchio lo Stato e a dettargli le condizioni, e si inseriscono in questa strategia gli obiettivi principali che erano Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Quindi bisognerà chiedersi se c’era la effettiva conoscenza del piano d’attacco e adesione manifestata a tale progetto quale membro della commissione regionale. E infine se ci fu qualcosa di più da parte di Messina Denaro che irrobustì l’intento di Riina e se sposò la strategia d’attacco con modalità terroristiche".

Il rapporto tra i Corleonesi e il territorio di Trapani - "Cosa Nostra è su tutto il territorio siciliano. Riina è capo indiscusso e dopo aver vinto la guerra di mafia, è a capo di Cosa nostra e ha una leadership che nessuno mette in discussione. Domina sul territorio di Palermo e sul territorio, ma è di casa a Trapani. Perché questo amore per il trapanese? Perché quelle famiglie sono potenti, e sono alleate storicamente delle potenti famiglie americane dei Magaddino, dei Buccellato, dei Gambino e dei Bonanno, provenienti da Castellammare del Golfo. E’ di importanza fondamentale e i rapporti sono strategici con le alleanze che si iniziano a tessere già negli anni settanta. Riina nell’81 inizia a fare la guerra ai Badalamenti, ai Bontate, agli Inzerillo e ai Di Grado. Ma la guerra che muove Riina non nasce nell’81. Egli inizia il suo “capolavoro tattico”, prima di uccidere Bontate nell’aprile ‘81. Inizia così a tessere alleanze con i paesi. Il boss Di Cristina di Riesi, muore nel ’78 perché denuncia, inascoltato, a Bontate, a Badalamenti ma anche al capitano Pettinaro, che in Cosa nostra sta per accadere qualcosa, i Corleonesi si apprestano a fare la guerra e per questo finisce ammazzato a Palermo nel ’78. Di Cristina viene sostituito con un uomo chiave come Piddu Madonia che diventa il nuovo rappresentante provinciale. A Catania Riina fa uccidere Pippo Calderone e poi nella famosa strage della Circonvallazione uccide anche Ferlito”.

Riina e i rapporti con Mariano Agate e Francesco Messina Denaro - "A Trapani Riina aveva già stretto i suoi legami e aveva acquistato diversi possedimenti a Castelvetrano e a Mazara del Vallo. E Riina è strettamente collegato con i suoi mafiosi di riferimento che sono: Mariano Agate, a quel tempo capo della famiglia di Mazara del Vallo e Francesco Messina Denaro, che è allo stesso tempo capo del mandamento di Castelvetrano e vice rappresentante della provincia di Trapani, a quel tempo diretta da Cola Buccellato".

L'importanza strategica di Trapani nel piano di Riina - "Cosa ha di importante Trapani per cui bisogna puntellarla, prima di fare la guerra a Bontate, Inzerillo e Badalamenti? A Trapani comandano di fatto i Rimi (Alcamo), i Minore (Trapani) e i Buccellato (Castellammare), tra loro legati con dei matrimoni combinati e a loro volta legati ai Badalamenti di Cinisi e a Stefano Bontate. Riina sa che se vuole vincere la guerra a Palermo deve avere degli alleati che gli permettano di poter sparare anche a Trapani nei vari paesi. Ed è questa la strategia vincente che elabora Riina".

Inizia la seconda guerra di Mafia anche a Trapani - "Nel 1981 inizia quella guerra di mafia che si estende subito al territorio trapanese. Riina, infatti, capisce che per avere il dominio assoluto di Cosa nostra, deve eliminare tutti gli alleati dei Badalamenti e degli Inzerillo e il 30 settembre del 1981 la guerra si estende a Trapani. Prime vittime illustri sono i fratelli Zummo a Gibellina, e poi il nipote del capo provincia che è Cola Buccellato, a quel tempo detenuto, al quale verrà concesso l’onore delle armi e la possibilità di morire nel suo letto, cosa che non fu concessa al figlio, a tre nipoti e ad un cognato che moriranno nel corso della guerra tra l’81 e l’84. Muoiono tutti quelli che non scappano per tempo, e per quelli che non si trovano cominciano a cadere tutti i parenti, gli amici e i conoscenti. Decapitata la città di Trapani, scalzando i Minore, i Rimi ad Alcamo, gli Zummo a Gibellina, i Buccellato e i Magaddino a Castellammare, gli Zizzo a Salemi. Si affermano in provincia di Trapani invece quelli che tradiscono i Rimi, i Buccellato e i Minore. Riina mette a capo i traditori che hanno aderito alla politica di Riina, e sono Francesco Messina Denaro, Mariano Agate e Vincenzo Milazzo. Nella sentenza del Processo Omega della Corte d’Assise di Trapani del 19/05/2000, i giudici scrivono che in provincia di Trapani, si consacrò l’ascesa definitiva di Riina ai vertici della piramide mafiosa".

"Iniziamo con alcuni collaboratori di giustizia che ritengo  - afferma il pm Paci - rispetto ad altri, particolarmente affidabili nella ricostruzione delle vicende trapanesi. Riina la guerra la vince con Brusca. Giovanni Brusca è il figlioccio di Riina che esegue assieme alle squadre trapanesi e presenzia a quasi tutti gli omicidi della guerra di mafia nella provincia trapanese. Brusca assieme a Giuseppe Ferro e Vincenzo Sinacori sono i depositari di quei segreti, sia perché partecipano sia per la posizione all’interno delle loro famiglie. Brusca perché cresce sulle ginocchia di Riina. Ferro perché capo mandamento di Alcamo, e Sinacori, coreggente di Mazara del Vallo dopo l’arresto di Mariano Agate. Tutti e tre partecipano anche alle commissioni provinciali, vedono, assistono ma non sanno. Gioacchino La Barbera che abbiamo sentito è un soldato di Altofonte che veniva a fare gli omicidi a Trapani e ha riferito seriamente solo quello che ha visto. Tutto questo è importante, per capire il ruolo che svolge Trapani per i Corleonesi e i Corleonesi per Trapani e perché alcuni Corleonesi, in particolare Giovanni Brusca, dal 1980 al giorno del suo arresto nel 1996, ha vissuto sempre con un piede in provincia di Trapani. C’è una mutua assistenza dunque tra Trapani e Palermo che consente a Riina di vincere la guerra".

I quattro mandamenti della provincia di Trapani - "E Riina rimane in provincia di Trapani e piazza i suoi colonnelli che lo hanno aiutato, nei posti di comando. Promuove Francesco Messina Denaro diventa capo del mandamento di Castelvetrano e capo della provincia di Trapani. Mariano Agate che era capo della famiglia di Mazara del Vallo diventa capo del mandamento di Mazara del Vallo, perché per rendergli onore, il mandamento che faceva capo a Marsala viene spostato a Mazara del Vallo che ora ingloba la famiglia di Marsala. Vincenzo Milazzo, a cui è stato ucciso da pochi anni il padre, viene nominato da Riina capo del mandamento di Alcamo. A Trapani dopo l’uccisione di Totò Minore, si insedia Cola Gucciardi e dopo Gucciardi arriva Vincenzo Virga. I mandamenti della provincia di Trapani sono questi, Castelvetrano, Alcamo, Trapani e Mazara. Riina però tra questi si sente a casa nei mandamenti di Castelvetrano e Mazara".

La strategia del peso e del contropeso - "Nei mandamento di Mazara e Castelvetrano Riina conosce tutto e tutti. Quando Riina va lì, gira tranquillamente per il paese, perché è sicuro che nessuno andrà a denunciare alle forze dell’ordine la sua presenza. Riina fa quello che troviamo nei libri di storia. Dove non si fida completamente crea un sistema di pesi e contrappesi. Mette un capofamiglia e poi mette un altro uomo di sua fiducia a cui dice: qui sono tutti bravi e tutti belli, ma tu se c’è qualcosa che non va mi fai sapere. A quel punto il gioco è fatto, Trapani è nelle mani di Riina con tutti i suoi colonnelli che sono stati promossi sul campo. In particolare gli uomini piazzati da Riina a controllo di quanto avveniva nei mandamenti sono: Antonino Patti a Marsala e Giuseppe Ferro ad Alcamo.
L’idea di Riina era quella di mettere un peso e un contrappeso. Un uomo di fiducia e un uomo che controllasse se il suo uomo fosse capace di gestire al meglio la famiglia.

"Riina e i trapanesi erano tutti una persona" - A quel punto chi non si adatta, chi non si allinea alle direttive e ai diktat di Riina muore. E questo accade a Marsala con l’accenno di rivolta e con l’uccisione agli inizi del ’92 dei boss D’Amico e Caprarotta e, sempre nel ’92 ad Alcamo con l’uccisione di Vincenzo Milazzo e la sua fidanzata. Tutto questo porta a dire ai pentiti, in particolare Cangemi, che i Corleonesi avevano a Trapani una roccia, come se erano a casa loro. Brusca dice che “tra Riina e i trapanesi erano tutti una persona”, radiografia precisa di quello che erano i rapporti del tempo. Stessa cosa dice Peppe Ferro che sintetizza il concetto così: “per noi lo Stato era Riina”, stessa cosa dirà Sinacori e anche Giuffré. Solo che Giuffrè dirà una cosa più importante e che divide tra Riina e Provenzano una divisione del territorio in aree di influenza. Provenzano aveva i suoi uomini di fiducia nella zona di Bagheria e nel nisseno, mentre Riina, invece, aveva i suoi uomini più vicini nella roccaforte trapanese, specie a Mazara e Castelvetrano".

Castelvetrano e Mazara erano la casa di Riina - C’è una frase che va oltre e che è di Vincenzo Sinacori ad un certo punto esprime così il concetto: “In Cosa nostra non ci sono più commissioni, non c’è nulla, le regole saltano tutte perché comanda soltanto Riina”. La forza di Riina - continua Sinacori - era tale che non si dovevi dire sì, così tanto per, lo si doveva dire in maniera convinta, altrimenti non si tornava a casa”. Sinacori dice le commissioni non c’erano, ma non è così, le commissioni c’erano, è un falso e Sinacori lo sa, usa quest’iperbole per esprimere e rafforzare quello che era il peso preponderante di Riina. Non ha fatto solo la guerra, ma ad esempio a Mazara del Vallo e Castelvetrano ha investito tanto. Lì ci passava le sue vacanze, ci portava i figli. Aveva una casa sul lungomare di Mazara e non solo ci passava le vacanze ma ha investito tanti soldi proprio tra Castelvetrano e Mazara. Insomma, lì c’erano diversi prestanomi che danno qualcosa a Riina. C’è insomma una sorta di simbiosi tra i vertici della mafia corleonese e i mafiosi trapanesi, e c’è una comunanza di interessi.

Delitti e stragi nel trapanese ordinate da Riina - Oltre ai delitti collegati all’ascesa del potere dei Corleonesi, ci sono almeno quattro o cinque vicende clamorose che riguardano il territorio trapanese che sono ordinate da Totò Riina o che vedono comunque la partecipazione di Riina o dei palermitani a questi delitti. Il primo è l’omicidio del sostituto procuratore di Trapani Giangiacomo Ciaccio Montalto, la soppressione dei vari personaggi che erano stati autori del sequestro Campisi, la strage di Pizzolungo del ’85, per la quale sono stati condannati Riina, oltre a Vincenzo Virga e a Balduccio Di Maggio, l’attentato al poliziotto Rino Germanà nel settembre del ’92, la soppressione dei vertici della famiglia di Marsala, i fratelli Vincenzo e Gaetano D’Amico e Francesco Caprarotta, sostituiti con Patti e Marceca, le vicende alcamesi, poi la faida di Alcamo dell’89, la famosa eliminazione dei quattro a Partinico nell’89, l’omicidio di Vincenzo Milazzo e Antonella Bonomo nel ’92, la guerra contro i Greco, l’eliminazione dei fratelli Evola a Castellammare del Golfo. Tutti sostituiti nell’organigramma da soggetti di assoluta fiducia di Totò Riina.

Gli affari di Riina con i clan trapanesi - Ma, oltre ai delitti, ci sono anche gli affari. Si comincia negli anni ’70 con il traffico dei tabacchi, oggi fa sorridere, ma allora era un business enorme che viene condiviso con i napoletani e il famoso Nuvoletta. C’è la vicenda del Big John, nave con un enorme carico di cocaina sbarca nella zona di Mazara. Traffico commissionato al cartello di Medellin da Francesco Madonia, c’è l’installazione della più grande raffineria di eroina ad Alcamo, nell’85, dove, grazie ad una soffiata, vennero arrestati Vincenzo Milazzo e Giuseppe Ferro, e altri mafiosi alcamesi.

La Stella d'Oriente - Poi c’è la “politica del tavolino”, i grandi affari vengono ora gestiti dalle imprese del Nord Italia che scendono al Sud e beneficiari di questi grandi appalti sono anche i mazaresi e gli uomini della provincia di Trapani. C’è poi la “Stella d’Oriente”, è una società che lavora nel settore ittico, dove ci sono dentro tutti: Mariano Agate, c’è dentro Riina e il fratello Gaetano, c’è Pino Mandalari che è il commercialista di Totò Riina, c’è Giovanni Bastone e ci sono i fratelli Nuvoletta, uomini d’onore della famiglia di Napoli. Uno dei Nuvoletta lo ritroveremo a Roma quando, assieme ad una squadra capitanata da Matteo Messia Denaro e Giuseppe Graviano, su ordine di Riina si recano a Roma per il progetto di eliminazione di Giovanni Falcone o Claudio Martelli.

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookie tecnici impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra cookie policy.

Accetto i Cookie da questo sito.