Stampa

VINCENZO SINAGRA , un'dlì

on .

 



Vincenzo Sinagra sopannominato un'dlì era un associato della mafia siciliana che in seguito divenne un importante informatore . Sinagra non era in realtà un membro della mafia ma solo un piccolo criminale, uno dei quattordici figli di un pescatore di Palermo . Nel 1981 commise l'errore di derubare un membro della mafia e sebbene ciò avrebbe normalmente significato la morte istantanea, poiché aveva un cugino nella mafia (vedi sotto) gli fu data la possibilità di lasciare la Sicilia, essere ucciso o diventare un gofer per la mafia. Ha scelto la terza opzione.

Durante la guerra di mafia dei primi anni '80, Sinagra lavorava per Filippo Marchese , uno spietato assassino che impiegava Sinagra per vari compiti umili, come tenere i piedi delle vittime di Marchese mentre Marchese le strangolava e aiutare a sbarazzarsi dei corpi. Sinagra portava a casa $ 250 al mese nel suo lavoro orribile, aspettando agli angoli della strada per il suo prossimo incarico. Fu mandato a eseguire un contratto uccidendo l'11 agosto 1982, ma lo fece male. La sua pistola si inceppò e quindi il suo complice, suo cugino, dovette uccidere la vittima. Sinagra ha quindi lasciato la sua arma nell'auto di fuga. Lui e suo cugino furono arrestati più tardi quel giorno.

In prigione, Sinagra ha finto la follia ma alla fine ha sofferto di un esaurimento nervoso , apparentemente pieno di sensi di colpa per aver preso parte a molti omicidi. Alla fine divenne un informatore e fornì al giudice antimafia Paolo Borsellino molte informazioni. Borsellino era alla ricerca di Marchese da anni. Sinagra ha persino guidato la polizia in un tour della camera di tortura del suo clan. Lì mostrò loro corde macchiate di sangue, pipistrelli di mattoni e una vasca in cui i corpi venivano scaricati in acido. Alla fine del 1982, Marchese era morto, ucciso per ordine di Salvatore Riina che decise che Marchese non era più utile. Tuttavia, Sinagra alla fine ha testimoniato al processo Maxi del 1986-1987, insieme ad altri informatori come Tommaso Buscetta , e ha contribuito a condannare molti mafiosi.

Nonostante la sua collaborazione, a conclusione del processo Maxi, Sinagra è stato condannato a una pena di ventun anni per la sua parte in molteplici omicidi. È stato rilasciato nel 2008.

Vincenzo Sinagra era anche il nome del cugino dell'individuo di cui sopra. Questo Vincenzo, che era un membro a tutti gli effetti della mafia, fu soprannominato "Tempesta" a causa del suo carattere violento e della sua forza. Al processo Maxi, "Tempest '", in parte sulla testimonianza di suo cugino, è stato condannato per omicidio e imprigionato a vita.

 

CONDANNATO A 26 ANNI SINAGRA PENTITO DELLA MAFIA. Era attesa come la prima autentica verifica delle confessioni di un pentito di mafia che si accusa di omicidio e smaschera gli altri componenti di un commando di Cosa nostra. Le rivelazioni di Vincenzo Sinagra (uno degli uomini d' onore che hanno deciso di collaborare con la giustizia, protagonista assieme a Buscetta e Contorno del maxi processo in corso nell' aula bunker) hanno retto di fronte alla seconda sezione della Corte d' assise che ieri dopo tre ore di camera di consiglio ha condannato all' ergastolo Vincenzo Sinagra detto Tempesta e Antonino Sinagra, i due killer di Diego Di Fatta, assassinato l' 11 agosto di cinque anni fa a piazza Marina. A Vincenzo Sinagra, il pentito che aveva ammesso di aver partecipato al commando, sono stati inflitti ventisei anni, molti di più rispetto alle richieste del pubblico ministero Giusto Sciacchitano che nella requisitoria aveva indicato diciannove anni di reclusione come pena adeguata alla collaborazione offerta al pentito. Nel racconto di Sinagra aveva detto il pubblico ministero c' è il sapore della verità che solo chi era presente al delitto può offrire. Sinagra per il contributo eccezionale dato alla giustizia merita clemenza. Ha superato la paura che gli incuteva chi gli ordinava di fingersi pazzo e ha accusato se stesso prima degli altri.  LA REPUBBLICA 25.1.1987

 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookie tecnici impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra cookie policy.

Accetto i Cookie da questo sito.