Stampa

COSÌ HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

on .

 Falcone Morvillo

Il primo lavoro era quello di riuscire a entrare nel cunicolo e vedere com'era fatto. Io ero un po’ stanco per tutto ciò che avevo fatto poco prima. Nel momento in cui provai a infilarmi nel cunicolo sentii un po‘ d'affanno, mi mancò l'aria. E pensai: <<Se entro qua dentro muoio>>. La stessa cosa accadde a La Barbera. Nel frattempo arrivò Gioè, più riposato, più fresco. E disse: <<Voglio provare io>>. Entrò al buio, tranquillo. Si infilò nel cunicolo e gridò: <<Ma io qui ci posso fare il viaggio con la fidanzata. Non ci sono problemi>>. 

Ci eravamo procurati uno skateboard, quello che usano i ragazzini per giocare. Pensavamo di metterci i fustini sopra e di trasportarli in posizione orizzontale. All'inizio, abbiamo fatto una vita da cani. Prima entravamo con le mani davanti e i piedi che restavano fuori, spingendo i fustini uno a uno. Dentro il cunicolo c'era un tubo da un pollice che usavamo come guida e che ci consentì di individuare il punto esatto dove collocare l'ultimo fustino a metà dell'autostrada. Entravamo a turno, io, Gioè, La Barbera. 

Bagarella e Battaglia, in quella fase, ci coprivano le spalle. Mentre noi lavoravamo, loro, armati, si guardavano intorno. Tant'è vero che arrivò una pattuglia dei carabinieri, ma erano due poveretti che forse erano andati a fare pipì. Scesero, si fermarono, fecero quello che dovevano fare e se ne andarono senza vederci perché in quella zona ci sono alberi e cespugli e noi ci eravamo nascosti in tempo. Hanno rischiato di essere uccisi, e l'attentato sarebbe saltato. Continuammo il nostro lavoro. Avevamo piazzato solo tre fustini e con difficoltà enormi. Con le mani in avanti e la faccia a terra. Per non lasciare impronte, calzavamo guanti da muratore, quelli di cuoio. Fu a questo punto che mi venne un'idea. Dissi a Gioè:<<Perché non ci mettiamo con la pancia sopra lo skateboard? Mettiamoci al contrario: con i piedi all'interno e spingiamo i fustini con i piedi, con la testa verso l'uscita. Tanto il primo fustino che ci fa da segnale c'è già. Ci leghiamo una corda al torace. Basta strattonarla e tu capisci che è il momento di tirarmi fuori>>. E così abbiamo fatto. Appena arrivavamo in fondo, ci fermavamo e quello che era fuori tirava senza fare fatica e ci faceva uscire. Con i primi tre fustini avevamo impiegato un tempo infinito e con sforzi non indifferenti. Con gli altri, in un'oretta e mezzo, ci eravamo sbrigati. Infatti avevamo già posizionato il fustino più grosso con il detonatore dentro. Per evitare di rompere il filo del detonatore lo passammo sotto il tubo, in modo che non venisse danneggiato. Il filo attraversava i fusti, dal detonatore all'uscita.  Infine sistemammo altri fusti. Il cunicolo non lo chiudemmo. Mettemmo solo un po di erbacce. Non l'abbiamo murato perché avremmo suscitato sospetti. Poi c'era Troia che, abitando a Capaci, poteva controllarlo giornalmente. Fra l'altro, l'ultimo tratto del cunicolo era libero e quindi dall'esterno non si vedeva niente. Lì vicino c'erano dei materassi che servivano da punto di riferimento.  

La collocazione dell'esplosivo avvenne a fine aprile, questa volta di notte. Il buco era già stato scelto: era perfetto, stretto, piccolino, come mi aveva detto il mio parente. Poteva avere un'efficacia come quella che poi in realtà ebbe. Avevamo le idee abbastanza chiare. Sapevamo anche che l'auto di Falcone correva sempre nella corsia dei sorpassi. Misurammo l'autostrada, da un punto all'altro, con una corda. Dovevamo riempirne di esplosivo solo metà. Ci siamo riportati questa misura all'interno del cunicolo. Per arrivare a metà dell'autostrada bastava contare i tubi del cunicolo che misuravano un metro ciascuno e avevano un diametro di 50 centimetri. Nell'altra corsia non collocammo l'esplosivo: si solleverà solo per effetto dell'esplosione... Mettevamo nel conto anche il passaggio di qualche auto di <<civili>>. Ma era una possibilità su mille e ci augurammo che non si affiancasse nessuno alla macchina di Falcone. La consideravamo un'ipotesi molto remota perché, di solito, le macchine di scorta fanno allontanare le altre auto. Avevamo previsto anche questo. Quindi, fatti tutti questi conteggi, tutte le prove, sistemato il frigorifero, arriviamo ai primi di maggio. La notte in cui completammo l'operazione eravamo io, Gioè, Bagarella, Biondino, Salvatore Biondo il <<corto>>, Ferrante, Giovanni Battaglia, Pietro Rampulla e la Barbera. Abbiamo cominciato al tramonto. Avevamo i telefonini. Biondino e Ferrante, quando li avremmo chiamati, avrebbero dovuto portarci l'esplosivo che avevamo depositato nella villa di Troia. (Saverio Lodato - HO UCCISO GIOVANNI FALCONE- La confessione di Giovanni Brusca)

Speciale GIOVANNI FALCONE  

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookie tecnici impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra cookie policy.

Accetto i Cookie da questo sito.