Stampa

Diego Cavaliero, l’allievo di Paolo Borsellino

on .

 

«L'ultimo sorriso di Borsellino». Parla l’allievo, Diego Cavaliero

«Paolo era un macinacarte. Per lui il lavoro era importantissimo, ma non era la sua vita». Non ha mai fatto a gara per essere amico o erede di Paolo Borsellino, ma Diego Cavaliero, oggi 59 anni e consigliere di Corte d’Appello di Salerno, del magistrato assassinato in via D’Amelio esattamente 25 anni fa assieme ai cinque agenti di scorta era una sorta di «figlio putativo ».

Per un quarto di secolo ha tenuto i suoi ricordi come un tesoro prezioso da custodire gelosamente. Del suo rapporto con il giudice palermitano ha parlato solo nelle aule di giustizia di Caltanissetta, durante gli innumerevoli processi per fare luce sulla strage del 19 luglio 1992, ma senza giungere a nessuna verità. Adesso di colui che riconosce come «padre, amico e maestro», parla nel libro 'Paolo Borsellino. L’uomo giusto' (San Paolo Editore) e tira fuori aneddoti, che fanno del giudice Borsellino una persona capace di porre attenzione all’altro con cui entra in relazione. Cavaliero incontra Borsellino, che è stato appena nominato procuratore capo a Marsala, quando viene assegnato come uditore giudiziario proprio alla procura di Marsala. I due magistrati, gli unici in servizio, a partire dal gennaio 1987, si dividono il lavoro a metà. Ma Borsellino capisce di avere alcune lacune sul lavoro da svolgere come pubblico ministero, avendo svolto sempre il ruolo di giudice istruttore, in vigore nel vecchio Codice di procedura penale sostituito poi nel 1988. Così un giorno, davanti a un piatto di spaghetti sul lungomare di Marsala, dice a Cavaliero: «Diego, insegnami a fare il procuratore della Repubblica. Ho sempre fatto il giudice istruttore, ma mi rendo conto che ho delle grosse lacune. Tu sei più fresco di studi». «Lui in ogni caso è il capo, un leader» sottolinea. «Grazie anche al suo ruolo in famiglia, riesce a mediare sempre tra la funzione di padre e quella di magistrato.

Diego Cavaliero, allievo di Paolo Borsellino

Il pedagogo parla al giudice». I due vivono e lavorano in maniera simbiotica. Cavaliero diventa di casa dai Borsellino, frequenta la villetta di Villagrazia, fa amicizia coi figli, accompagna il giudice dalla mamma in via D’Amelio. Poi il giovane magistrato è costretto, per motivi familiari, a tornare a Salerno, ma ogni scusa è buona per incontrarsi. Accade anche alla fine di giugno 1992, a Giovinazzo, in Puglia, dove Borsellino si trova per un convegno. Giovanni Falcone è stato ucciso da poco più di un mese, l’albergo è assediato per motivi di sicurezza.

«Mi dice: 'Sai Diego, quando subisci la perdita di un parente caro, tu vai al suo funerale e piangi non solo perché ti è morto il parente o l’amico, ma perché sai che la tua fine è più vicina'» racconta Cavaliero. È la prova che Borsellino è perfettamente consapevole della fine a cui sta andando incontro. Cavaliero desidera che Borsellino faccia da padrino di battesimo al suo bambino, Massimo. La risposta è immediata: «Ne sono felice, così tolgo questo bambino dalle mani di un miscredente come te». Il battesimo è fissato a Salerno per il 12 luglio, domenica.

Il luogo della strage a Palermo, in via D’Amelio, dove il magistrato palermitano si era recato a trovare l’anziana madre il 19 luglio 1992

«Ma non è Paolo quello che ho di fronte - racconta Cavaliero - è completamente assente ». Tranne per un momento, quando prende il suo nuovo figlioccio sulle gambe e sorride. Probabilmente è l’ultima fotografia, appena sette giorni prima della strage. Cavaliero è un testimone prezioso anche del modo di vivere la fede cristiana di queste giudice: «Credo che la fede lo abbia aiutato in quello che è il concetto di morale, che va anche al di là della religione, ma individua ciò che è giusto o sbagliato in senso assoluto ». Resta l’amarezza e la delusione su quella verità negata. «Perché è morto Paolo non si sa e forse non si saprà mai. Ci sono due fatti che da uomo della strada non riesco a capire. Il primo è il problema dell’agenda rossa sparita dalla borsa ritrovata dentro la Croma blindata in via D’Amelio.

Perché non è stato fatto l’esame del Dna sulla borsa, visto che lo hanno fatto sui mozziconi di sigaretta ritrovati a Capaci, rendendo immediata l’individuazione di chi aveva schiacciato il telecomando per la strage?» si interroga Cavaliero. E poi la creazione del falso pentito Vincenzo Scarantino: «Come si è arrivati a questa figura? ». «Paolo è morto da solo - aggiunge - con la consapevolezza di andare a morire, ha affrontato il proprio destino come un samurai, che credeva nella giustizia non come principio astratto ma come affermazione di verità, affrontando un nemico armato della propria fede cristiana e della propria idea di legalità e di giustizia».

Alessandra Turrisi AVVENIRE 19 Luglio 2017

 

  

Trattativa: Cavaliero "la vedova Borsellino mi disse che Subranni era punciuto"

Processo trattativa Stato-Mafia

Palermo. L’immagine è quella di una persona mite, di grande umiltà. Ma allo stesso tempo depositaria di una confidenza da far tremare le vene ai polsi. “Circa dieci anni fa, sei o otto mesi prima del matrimonio di Manfredi (Borsellino, ndr), la signora Agnese utilizzò un’espressione nei confronti del generale Subranni”. Le parole dell’ex sostituto procuratore di Marsala, Diego Cavaliero, amico nonchè collega di Paolo Borsellino negli anni di Marsala, attualmente giudice del lavoro alla Corte di Appello di Salerno hanno riacceso l’attenzione su una terribile rivelazione che era già emersa cinque anni fa. “La signora Agnese – ha specificato il magistrato campano deponendo questa mattina al processo sulla trattativa – mi disse che poco tempo prima di morire, in un momento di rabbia, il marito le aveva detto che il generale Subranni era punciuto (affiliato a Cosa Nostra, ndr). Mi disse anche che in quella occasione Paolo aveva vomitato dopo essere rientrato a casa”. Alle domande del pm Roberto Tartaglia Cavaliero ha risposto senza esitazione. Anche quando ha ricordato “la frenesia” di Borsellino al pensiero di aver perduto la sua agenda rossa.

Era il 12 luglio 1992 e il giudice palermitano era venuto a Salerno per fare da padrino al battesimo del primo figlio di Cavaliero. “Lo andai a prendere a Baia (all’albergo dove alloggiavano Paolo Borsellino e il tenente Carmelo Canale, ndr) e andammo da mia madre. Ricordo che Paolo aveva appoggiato l’agenda rossa sul letto. Appena scendemmo dalla macchina Paolo ebbe la percezione che non aveva l’agenda. Era visibilmente agitato. Mi fece ‘smontare’ la macchina, facendomi alzare i sedili, mi colpì la sua frenesia… Non trovandola mi fece tornare a Baia, e lì la trovammo sul letto dove l’aveva lasciata, solo allora si tranquillizzò. Borsellino era un maniaco delle annotazioni. Lui era l’archiviazione fatta persona. Negli anni di Marsala non portava l’agenda con sé se uscivamo a cena. Questo particolare l’ho visto solo dopo il 23 maggio del ’92”.“Il 28 giugno 1992 – ha raccontato ancora l’ex pm di Marsala – ci incontrammo a Giovinazzo (Ba) per un congresso di magistrati. Le misure di protezione per Borsellino erano aumentate. Ricordo che mi manifestò la sua forte preoccupazione, non lo disse apertamente, mi invitò ad accompagnarlo a prendere le sigarette e mi disse: ‘sai quando muore una persona cara tu vai al funerale e ti addolori perché hai la consapevolezza che la tua fine è più vicina’. La cosa mi turbò molto”.“Il suo umore era completamente diverso, aveva perso quella giovialità che lo caratterizzava, e il 12 luglio, al battesimo, si vedeva che era ‘assente’. Io venni a Palermo dopo la morte di Falcone e alloggiai a casa di Borsellino. Lui era preoccupato. Ricordo la camera ardente… Paolo mi aveva detto: ‘fino a quando c’è Giovanni mi fa da parafulmine’”. Cavaliero ha quindi ricordato “il moto di stizza” di Paolo Borsellino nel sapere della telefonata della batteria del Viminale che lo cercava da parte del prefetto Vincenzo Parisi. La “percezione” del significato della “fretta” che aveva Borsellino per cercare di “fornire una chiave di lettura di quella che era stata la morte di Falcone” è stato un altro aspetto fondamentale della deposizione di Cavaliero. “Che Paolo avesse fretta era evidente – ha specificato il magistrato campano –, lui diceva di avere bisogno di una giornata di 48 ore. Era evidente che stesse inseguendo qualcosa dal punto di vista investigativo…”. Il pm Tartaglia ha ripreso il verbale di interrogatorio dell’ex sostituto procuratore di Marsala del 2012 nel quale emergevano ulteriori dettagli in merito alle confidenze della vedova del giudice. “C’era una nota fondamentale di amarezza della signora Borsellino, di carattere generale, – aveva raccontato due anni fa agli investigatori – per quello che riguardava gli sviluppi investigativi, quello che più o meno stava succedendo nell’ambito delle indagini dell’epoca per la morte del marito… mi disse che praticamente il marito aveva capito, non si capisce bene cosa, in quella condizione di frenesia…”. Ma cosa poteva aver capito il giudice Borsellino in quei 57 giorni tra la strage di Capaci e quella di via D’Amelio? Nel periodo successivo all’eccidio del 19 luglio ’92 il rapporto tra Cavaliero e la famiglia Borsellino si era rinsaldato ancora di più. Nel mese di agosto del ’92 lo stesso magistrato campano aveva portato la signora Agnese e i suoi tre figli nella sua casa di villeggiatura vicino Salerno per dar loro un po’ di respiro. “In quel periodo la signora Agnese è sempre stata molto critica su tutto ciò che le gravitava attorno, si lamentava che c’erano amici e conoscenti che non avevano mai partecipato alla loro vita e che ora invece volevano un posto in prima fila…”. Alla domanda se avesse mai conosciuto una persona di nome Angelo Sinesio il dott. Cavaliero ha risposto negativamente. Sul ruolo di Sinesio non è stata fatta ancora piena luce. Si sa che è stato un agente dei Servizi segreti dal passato decisamente misterioso e che attualmente è Commissario straordinario del Governo per le infrastrutture carcerarie. Ma soprattutto è stato tra coloro che nel ’92 si erano particolarmente preoccupati dell’esposto anonimo “Corvo2”. Come è noto si tratta di una strana lettera, scritta a cavallo tra il 23 maggio e il 19 luglio del ’92, inoltrata a 30 destinatari (tra cui anche a Paolo Borsellino), nella quale si riferiva di una sorta di canale di comunicazione, in seguito all’omicidio di Salvo Lima, tra esponenti politici, tra cui Calogero Mannino e i vertici di Cosa Nostra. Poco dopo la strage di via D’Amelio lo stesso Sinesio aveva chiesto ossessivamente al pm Alessandra Camassa quali fossero state le ultime indagini di Borsellino senza ottenere, però, alcuna informazione. 

di Lorenzo Baldo - 28 novembre 2014 ANTIMAFIA DUEMILA

 

Via D´Amelio, le rivelazioni del procuratore Cavaliero sull´agenda rossa

21 maggio 2013 –  Non era l'agenda di Paolo Borsellino! L'oggetto rosso fotografato nel frame tirato fuori dopo anni dall'archivio video dei vigili del fuoco non era la famosa agenda rossa. Dalle risultanze della polizia scientifica di Roma risulta essere parte di un parasole per vetture in cartone utilizzato per coprire parte del corpo dell'agente di scorta Manuela Loi.  “In quell'agenda segnava tutto, in particolare iniziò a utilizzarla sempre più frequentemente dopo la morte di Falcone” sono le parole di Diego Cavaliero, sostituto procuratore di Marsala dall'86 all'89, che oggi è stato sentito nell’ambito del processo 'Borsellino Quater'. “L'agenda rossa che utilizzava Borsellino era molto grande – spiega Cavaliero – era un'agenda dell'Arma dei carabinieri dove il giudice annotava di tutto ed utilizzava dei segni geroglifici. Per esempio c'era un segno, una specie di chiocciola, che per il giudice significava che era andato a trovare la madre”. l teste ha anche uno dei sospetti più inquietanti del giudice palermitano “Paolo avrebbe riferito ad Agnese che il generale dei carabinieri Subranni era 'punciutu'. In quell'occasione – ricorda Cavaliero – il giudice ebbe un senso di vomito, di fastidio” Questa confidenza, già nota agli inquirenti, la signora Agnese, recentemente scomparsa, l’aveva ricevuta direttamente da Paolo Borsellino qualche giorno prima dell'attentato. La signora Agnese avrebbe confidato questo sospetto a Cavaliero poco prima del matrimonio del figlio Manfredi. Cavaliero ha anche aggiunto che il giudice Borsellino non aveva un rapporto idilliaco con l'allora capo della procura di Palermo. I due erano in contrasto per la gestione del pentito Gaspare Mutolo. A scuotere il giudice fu allora anche la morte di Salvo Lima. Borsellino aveva la percezione che a Palermo stesse per succedere qualcosa di dirompente per la prossimità del maxiprocesso. Dopo la morte di Falcone “lo stato d'animo di Borsellino – ha aggiunto il teste – era tetro, non solo per la perdita dell'amico, ma anche perchè aveva la consapevolezza che qualcosa era cambiato nella sua vita. Lui perse il suo punto di riferimento. La cosa fu devastante. La sua vita cambiò in maniera radicale. Ha iniziato a morire quando è morto Falcone. Sapeva che anche la sua morte era vicina”. Cavaliero si è soffermato anche sull'eccidio di via d'Amelio. “Il viso del giudice – ha detto – era perfettamente integro. Vidi una scarpa, sotto il citofono, credo che appartenesse a Paolo. Borsellino era molto abitudinario. Si recava dalla madre tutte le domeniche, sempre allo stesso orario, intorno alle 17”. Intanto a Caltanissetta si continua a fare il punto sulle indagini legate alle stragi di Capaci e via D'Amelio, quest'ultimo oggi al centro di un nuovo “giallo” legato ad un vecchio video dei Vigili del fuoco riemerso nei giorni scorsi, dove potrebbe essere stata ripresa la famosa “agenda rossa”. Il video è stato trasmesso alla polizia scientifica di Roma per un esame dettagliato dell’immagine che ritrae un oggetto rosso che secondo Sergio Lari, non sarebbe l'agenda di Paolo Borsellino, sparita subito dopo la strage. La perizia vuole comunque fugare ogni possibile dubbio. MADONIE PRESS

 

Trattativa, tocca a Diego Cavaliero: ”Dopo Capaci Borsellino aveva fretta”

Stamattina l’ex pm di Marsala ha testimoniato al processo in corso davanti alla Corte d’Assise di Palermo. Due anni fa, al processo a Mori e Obinu, raccontò ciò che gli aveva riferito la moglie del magistrato: “Subranni è punciuto”

Dopo la strage di Capaci, Paolo Borsellino aveva fretta, e c’era la percezione che questa fretta nascesse da qualcosa di ben preciso”. Lo ha detto il magistrato salernitano Paolo Cavaliero deponendo come TESTE al processo sulla Trattativa Stato mafia.

Cavaliero era un giovane sostituto procuratore di Marsala, quando a guidare la procura trapanese c’era Paolo  Borsellino. In quegli anni, divenne amico del magistrato palermitano, assistendo ad  importanti episodi  poco prima che Borsellino venisse assassinato in via d’Amelio.

Per questo motivo, il giudice del Tribunale di Salerno Cavaliero è stato chiamato a deporre  al processo in corso davanti la corte d’assise di Palermo. “”Dopo la morte del giudice Falcone- ha spiegato il magistrato oggi in servizio al tribunale del lavoro di Salerno – la protezione nei suoi confronti era oggettivamente aumentata. Incontrai Borsellino il 28 giugno 1992 a Giovinazzo. Lui aveva perso gran parte della sua giovialita’. Era cupo, percepivo la sua preoccupazione. E parlando della strage di Capaci, Borsellino mi disse: Sai, quando una persona cara muore vai al funerale e ti addolori anche perche’ sai che anche la tua fine si avvicina”.

“Eravamo in CASA della signora Borsellino, a Palermo. Ricordo che era il 2004. Lei mi raccontò che, poco prima di morire, Paolo Borsellino un giorno tornò a CASA e si sentì male. Poi si sfogò e avrebbe detto alla moglie: Subranni è punciuto”, ha raccontato l’ex pm di Marsala, un EPISODIO già messo a verbale nel giugno del 2012, deponendo nel processo a Mario Mori e Mauro Obinuper la mancata cattura di Bernardo Provenzano, che in primo grado si concluse con un’assoluzione (attualmente è in corso l’appello).

Paolo Borsellino non si separava MAI dalla sua agenda, un diario di COLORE rossodell’Arma dei carabinieri, su cui scriveva continuamente appuntando riflessioni e quanto gli accadeva”, ha aggiunto Cavaliero davanti ai giudici che processavano Mario Mori e Mauro Obinu. L’ex magistrato raccontò anche un episodio dell’11 luglio 1992, otto giorni prima della strage di via d’Amelio: Borsellino era a Salerno per partecipare al battesimo del figlio di Cavaliero. “Improvvisamente – raccontò l’ex pm – si rese conto di non avere l’agenda e mi fece smontare la macchina per ritrovarla, poi si accorse che era in HOTEL”. A condurre l’interrogatorio dell’ex magistrato salernitano nell’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo è il pm Roberto Tartaglia. Il processo è stato aggiornato al prossimo 4 dicembre.

(fonte L’Ora Quotidiano) 20.11.2014

 

a cura di Claudio Ramaccini, Direttore -Resp. Comunicazione Centro Studi Sociali contro la mafia - PSF

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookie tecnici impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra cookie policy.

Accetto i Cookie da questo sito.