Stampa

FIAMMETTA BORSELLINO: “VOGLIAMO RISPOSTE CONCRETE, TANGIBILI E VELOCI. 19 LUGLIO GIORNO DI RINNOVATO LUTTO”.

on .

Ma dalla dottoressa Borsellino sono anche giunti richiami importanti alle istituzioni sull’operato passato e su quello presente in merito alle indagini su via D’Amelio

 

Fiammetta Borsellino: 

«Indagini su strage di via D'Amelio, fatte male»

Per la figlia del magistrato, ucciso dalla mafia 25 anni fa a Palermo insieme a cinque agenti della scorta, ci sono state lacune nelle indagini su quell'eccidio

La strage di via D'Amelio è ''emblema della cattiva pratica investigativa''. Lo ha detto Fiammetta Borsellino, figlia del procuratore aggiunto di Palermo Paolo ucciso nella strage di via Mariano D'Amelio a Palermo il 19 luglio 1992, partecipando al dibattito ''Lettera aperta ai giovani di Palermo'', in corso all'orto botanico di Palermo nell'ambito di ''Una Marina di libri''. ''Non è stato preservato il luogo della strage - ha aggiunto - E' passata una mandria di bufali. E' stata prelevata una borsa che è passata di mano in mano e lo stesso magistrato Ayala ha dato tantissime versioni anche discordanti''.

Nei processi per la strage di via D’Amelio ci sono state «gravissime anomalie, lati oscuri, depistaggi». Su tutto questo la «ricerca della verità è un atto dovuto e non è delegabile solo ai magistrati». Fiammetta Borsellino ha anche chiamato in causa diversi magistrati che sin dalle prime battute avrebbero avallato le anomalie investigative, dal procuratore di Caltanissetta del tempo Giovanni Tinebra ai pm Anna Maria Palma, Carmelo Petralia e Nino Di Matteo. Questi magistrati «sono stati loro stessi autori di un processo caratterizzato da gravissime anomalie anche grossolane» ha detto Borsellino.

«Mai come oggi la ricerca della verità appare difficile, perchè mai come oggi è connessa alla ricerca delle ragioni della disonestà di chi questa verità doveva scoprirla. Io non smetto di chiederla. Il contributo di onestà non lo devono dare solo i mafiosi ma anche le persone delle istituzioni che sanno».

Nei 57 giorni che passarono tra la strage di Capaci e quella di via D’Amelio si mossero varie forze lungo l’asse dei rapporti tra mafia e politica. Per sostenere questa tesi Fiammetta Borsellino ha citato una frase ripetuta dal padre in quei giorni: «Mafia e politica o si fanno la guerra o si mettono d’accordo». «In quei giorni - ha detto - evidentemente si misero d’accordo mentre tutti sussurravano a mio padre che il tritolo per lui era già arrivato. Lo sapeva anche il procuratore Pietro Giammanco che però non lo avvertì. Ricordo che mio padre tornò a casa sconvolto. Nessuno ha mai sentito il bisogno di sentirlo. Così come non sono stati chiesti chiarimenti al questore Mario Jovine e al questore Arnaldo La Barbera che avevano il compito di proteggere mio padre». Ora si coglie qualche cambiamento. «Vedo - ha detto - che le Procure vogliono andare fino in fondo. C'è stato anche il processo per la trattativa, che è stato un momento importante ma arriva dopo 25 anni. Non mi piace fare il tifo da stadio ma certe persone andavano cercate molto prima».

«Il 19 luglio è un giorno di rinnovato lutto. Dopo 25 anni vivremo con estrema riservatezza questo giorno. Mi auguro in una forma più familiare e intima possibile. Senza negare però alle istituzioni e a chi vorrà commemorare una forma riflessione. Vogliamo risposte concrete, tangibili, veloci. Per me purtroppo il 19 luglio è un giorno di grandi proclami ma vuoto di contenuti».

La Sicilia

 

Mafia: Fiammetta Borsellino, c'è parte malata dentro istituzioni 

24 OrePalermo, 8 giu. - "C'è una modalità malata di esercitare il potere dentro le istituzioni, che io ho sperimentato sulla mia pelle, che va risolta. E' stata praticata ed è praticata tutt'ora in tutti i campi nella nostra nazione. Se non ci fosse stata non sarebbe successo quello che tutti sappiamo". Lo ha detto a Palermo Fiammetta Borsellino, figlia del giudice antimafia, Paolo, ucciso nella strage di via D'Amelio, che ha aggiunto: "Del resto se non c'è da parte del Csm un'assunzione di responsabilità nel voler fare luce su queste gravissime anomalie, mentre mio padre solo per aver denunciato lo smantellamento del pool antimafia è stato messo alla gogna pubblica, questo denota che c'è ancora una parte profondamente strana, malata di esercitare il potere istituzionale che provoca distruzione e morte".
 

Programma

Speciale LA DENUNCIA DI FIAMMETTA BORSELLINO

 

A cura Centro Studi Sociali contro le mafie - PSF  Resp. Claudio Ramaccini 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I Cookie tecnici impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra cookie policy.

Accetto i Cookie da questo sito.